Archivi del mese: giugno 2008

IN TREMILA AL CIRCO MASSIMO PER INCONTRARE GESU’ ALL’ADUNANZA EUCARISTICA NAZIONALE

ROMA – Gesù – il Signore – protagonista assoluto della notte di preghiera No Stop al Circo Massimo di Roma iniziata alle ore 21.30 con la lettura di alcune lettere di San Paolo nella bella intepretazione degli attori Franco Giacobini ed Angela Goodwin e che è andata avanti fino alle ore 6 della mattina quando Padre Alberto Pacini, Rettore della Basilica di Sant’ìAnastasia al Palatino, ha riportato l’Eucarestia all’interno della Basilica dove prosegue – da anni 24 ore su 24 – l’Adorazione animata da molti giovani. E proprio i giovani romani non sono mancati a questa iniziativa, presenti soprattutto nelle ore ‘calde’ della notte, con canti di lode, preghiere e momenti di silenzio e raccoglimento.

Alle ore 22.30 anche la Santa Messa celebrata da numerosi sacerdoti della Diocesi di Roma e presieduta dal Vescovo Ernesto Mandara, che si è mostrato molto emozionato e ‘toccato’ dalla presenza insolita, in luogo insolito, di cosi’ tante persone. I turni di adorazione, coordinati da Fabio Anglani (coordinatore nazionale appunto dell’Adunanza Eucaristica) si sono susseguiti di ora in ora, interrotti solamente da una ulteriore processione che alle ore 2.30 della notte ha visto arrivare ulteriori fratelli e sorelle per la preghiera mariana del Rosario, la preghiera a Maria che scioglie i nodi; e sono stati molti i nodi portati ai piedi della Madonna, e sono anche tanti i nodi che la Madonna scioglierà in questa notte.

LA FOTOGALLERIA

 http://www.papaboys.it/photogallery/index.asp 

I VIDEO DELL’ADUNANZA EUCARISTICA NAZIONALE
DAL CANALE YOU TUBE DEI PAPABOYS

http://it.youtube.com/Papaboys113

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in ADUNANZE EUCARISTICHE, ASSOCIAZIONE PAPABOYS, GESU', TU SEI RE!, NEWS & INFO

IL CARDINALE AGOSTINO VALLINI È IL NUOVO VICARIO DELLA DIOCESI DI ROMA

CITTA’ DEL VATICANO – La nomina è stata annunciata dal Papa. Succede al cardinale Camillo Ruini, del quale Benedetto XVI ha accettato le dimissioni per raggiunti limiti di età. Il cardinale Agostino Vallini, finora prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, è il nuovo vicario del Santo Padre per la diocesi di Roma. Succede al cardinale Camillo Ruini, del quale Benedetto XVI ha accettato le dimissioni per raggiunti limiti di età. La nomina è stata annunciata dal Papa venerdì 27 giugno -, poco dopo mezzogiorno, in Vaticano, mentre la notizia veniva diffusa dalla Sala stampa della Santa Sede. Il Santo Padre ha anche nominato il cardinale Vallini arciprete della papale arcibasilica di San Giovanni in Laterano e gran cancelliere della pontificia Università Lateranense.

Nato a Poli (provincia di Roma e diocesi di Tivoli) il 17 aprile 1940, illustre canonista, già docente alla pontificia Università Lateranense, il cardinale Vallini è stato vescovo ausiliare di Napoli (1989-1999) e vicario generale della diocesi partenopea, dove curò la preparazione della visita pastorale di Giovanni Paolo II (9-11 novembre 1990); è stato quindi alla guida della Chiesa suburbicaria di Albano, per cinque anni. Il 27 maggio 2004 Giovanni Paolo II lo ha nominato prefetto del Tribunale della Segnatura, promuovendolo alla dignità di arcivescovo. Benedetto XVI lo ha creato cardinale nel Concistoro del 24 marzo 2006.

fonte: www.papaboys.it

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

POLITICA ITALIANA – BERLUSCONI – VELTRONI: CHI E’ IL BUFFONE TRA I DUE?

ROMA – Momento delicato e drammaticamente comico della politica italiana con i leader dei due maggiori partiti che si scambiano infamanti accuse, laboriosi sospetti e soprattutto giocano, avicenda, ad accusarsi per un giro di miliardi (quelli del buco del Comune di Roma) di un malloppo di miliardi! Chi è il falsario e chi dice la verità dei due? C’è qualche saggia persona che sa dirci la verità sulla questione? Ricostruiamo i fatti. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi comunica che l’ex Sindaco di Roma Veltroni ha lasciato un debito’ romano’ di troppi miliardi di euro: un vero e proprio buco finanziario che metterebbe a gravissimo rischio le finanze della Capitale Italiana ed i suoi processi di sviluppo ed ammodernamento. Berlusconi, senza troppi giri di parole, serve il buon Veltroni con una parola chiara: ‘Fallito!’. Passano poche ore ed il leader del Partito Democratico replica. Walter Veltroni: “Il debito di otto miliardi del comune di Roma? Una bufala gigantesca e mediatica”. Durante una conferenza stampa l’ex sindaco della capitale ribatte alle accuse lanciate da Silvio: “Il neosindaco di Roma” – dice Veltroni – “ha subito una campagna decisa dal presidente del Consiglio per attaccare il capo dell’opposizione”. “Lui è l’ultimo” – dice Walter – “a poter parlare, visto che il suo governo ha lasciato 30 miliardi di debito”. Veltroni spiega, mostra tabelle e cifre “il buco è di 6,8 miliardi come certificato dalla Ragioneria generale di Stato, non ci sono dati occulti”.

“È molto pericoloso – riporta il settimanale Panorama – per Roma negare o minimizzare l’esistenza di un’obiettiva e grave emergenza finanziaria che investe il bilancio del Comune”, risponde in una nota di risposta alle parole di Veltroni il sindaco di Roma Gianni Alemanno. “Le affermazioni di Veltroni potrebbero dare nuovi argomenti a coloro che negano la necessità di un forte intervento governativo per risolvere la pesante crisi economico-finanziaria in cui versa il Comune di Roma. L’unico atteggiamento responsabile”, conclude il sindaco, “non è quello di alimentare ulteriori polemiche politiche, ma di attivare una collaborazione politica e istituzionale”.

La Verità – quella VERA – non la sapremo mai, e ci siamo abituati; ma continuare ad offendere il comune senso dell’intelligenza del cittadino è un reato grave, bipartizan che non ci fa guardare con serenità al futuro. Ed oscura – soprattutto – anche l’attuale presente.

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

IL PAPA: ‘LA VERA LIBERTÀ NON È DIRE NO, MA CONFORMARE LA PROPRIA VOLONTÀ A QUELLA DIVINA’

CITTA’ DEL VATICANO – La vera libertà, il suo massimo, non consiste nel dire no, nel chiudersi, ma nel dire sì, nell’aprirsi, nel conformare la propria volontà a quella di Dio. E’ questo che dà la giusta collocazione anche a valori oggi giustamente difesi, come la tolleranza, la libertà ed il dialogo. E’ l’insegnamento che viene dall’esempio di San Massimo, uno dei grandi Padri della Chiesa d’oriente, la figura del quale Benedetto XVI ha illustrato oggi. Meritò il titolo di Confessore, per l’intrepido coraggio col quale seppe testimoniare, “confessare” la sua fede, ha detto il papa ai 30mila fedeli presenti in piazza San Pietro, malgrado la giornata molto calda ed assolata, che ha visto i presenti a proteggersi con ombrelli e berretti multicolori ed ha spinto lo stesso Benedetto XVI ad indossare, durante il giro in piazza per salutare i presenti, il cappello rosso a falde larghe. Massimo nacque nel 580 in Palestina e fu avviato alla vita monastica ed allo studio delle Scritture. Da Gerusalemme si trasferì a Costantinopoli e poi in Africa. Qui si distinse per l’estremo coraggio nella difesa dell’ortodossia, per difendere l’umanità di Cristo, contro coloro che affermavano esistere in Lui la sola volontà divina. “Ma una uomo senza volontà non è vero uomo” e anche Gesù Cristo, “senza una volontà umana non sarebbe stato vero uomo” e “non avrebbe vissuto il dramma dell’essere umano”. In Gesù non c’è dualismo tra la volontà divina e quella umana, c’è “unità nella persona di Cristo” e “non si deve amputare l’uomo per spiegare l’Incarnazione”. Per San Massimo queste non erano “speculazione filosofica, ma realtà nella vita di Cristo”, come si vede in modo particolare nel “dramma dei Getsemani” evidenziato dal “non la mia volontà, ma la tua” detto da Gesù.

 

Leggi tutta la notizia su:

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1439

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, DIALOGHI APERTI, NEWS & INFO

SUCCESSO A ROMA PER IL CONCERTO ‘I 3 PONTEFICI’: MUSICA, CULTURA E FORTE SENSO DI UNITA’

ROMA – Inizia con il passo giusto l’edizione del 2008 del Festival Senza Frontiere, ideato dall’Associazione Musicale Internazionale e diretto dal maestro Marco Celli Stein. Molto pubblico ed ospiti d’elite presenti presso la Basilica di Santa Sabina all’Aventino per il concerto inaugurale di questa edizione di un festival che vorrebbe oltrepassare i limiti del bipartizan musicale, per andare ad abbracciare generi e culture differenti. ‘I 3 Pontefici’ era il tema previsto da questa manifestazione musicale che ha saputo condensare in due ore di spettacolo l’energica direzione del Maestro Stein – ha saputo rimediare ai problemi tecnici della partenza con eleganza e stile – l’ensemble musicale della Orchestra Nova Amadeus con il supporto dei cori ISTITUZIONE CORALE ROMANA (direttore del coro M° Renzo Renzi) e ST. JOHN SINGERS CHOIR (direttore del coro Alessandra Paffi). Di particolare attrazione e sentimento i momenti di recitazione curati da un ottimo Vincenzo Bocciarelli che ha ‘riletto’ alcuni discorsi di Paolo VI e Giovanni Paolo I – molto apprezzata la sua interpretazione di San Francesco di Assisi che ha strappato un applauso di sei minuti al pubblico presente. La serata è stata completata dal lato musicale con la presentazione in anteprima mondiale della Sinfonia della Pace, scritta da Giovanni Paolo II e musicata dal popolare……….

 

leggi tutto il servizio su:

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1438

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

APPELLO AI MEDIA SUL CASO DI EMANUELA ORLANDI: DIFENDETE LA DIGNITA’ ED IL DOLORE!

ROMA – Torna in maniera potente, ‘sparata’ a caratteri ed immagini cubitali da tutti i media italiani ed internazionali, la vicenda, triste e dolorosa di Emanuela Orlandi. Questa ragazza, che oggi avrebbe 40 anni, scomparve in circostanze misteriose il 22 giugno 1983 all’età di 15 anni. Emanuela era nata nella Città del Vaticano il 14 gennaio 1968 ed era figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia. Emanuela Orlandi frequentava una scuola di musica in piazza Sant’Apollinare a Roma. Il giorno della scomparsa, nel tragitto che dal Vaticano la portava alla scuola, incontrò uno sconosciuto, alla guida di una BMW verde, che le offrì un lavoro di volantinaggio per la Avon (azienda di cosmetici), da svolgere durante una sfilata di moda e pagato esageratamente (circa 375.000 lire). Emanuela rispose che prima di accettare avrebbe dovuto chiedere il permesso ai genitori. Verso le ore 19:00, dopo essere uscita in anticipo dalla lezione, telefonò a casa per riferire la proposta che le era stata fatta e la sorella le disse di lasciar perdere. Questo fu l’ultimo contatto che ebbe con la famiglia.

Leggi tutta la nota dei Papaboys sulla vicenda Emanuela Orlandi:

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1432

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO