APPROFONDIMENTI – DROGHE ‘LEGGERE’, CONSEGUENZE ‘PESANTI’

ILLUSIONI GIOVANILI – Negli ultimi decenni, fare esperienze con alcune droghe viene ritenuto dai ragazzi un rischio calcolato. Marijuana e hashish vengono considerate droghe facili, pulite, aventi una funzione ricreativa e socializzante. Anche in relazione alla loro larga diffusione, tali sostanze sono al centro di un infinito dibattito tra proibizionisti ed anti-proibizionisti. Non si capisce, purtroppo, che non esistono, in senso assoluto, droghe leggere e droghe pesanti. Gli effetti e i danni provocati dall’uso di stupefacenti, di qualsiasi tipo, sono sempre estremamente gravissimi. Ancora, mentre sono conosciuti gli effetti dell’assunzione a breve o a medio termine dei cannabici, lo sono molto meno quelli a lungo termine. Chi è favorevole alla legalizzazione delle droghe leggere dice che usate una volta ogni tanto non fanno male. Si dimentica che l’utilizzo di qualsiasi droga a qualcuno può fare meno male, ad altri tanto male. Se consideriamo, poi, che diversi ragazzi e ragazze usano ogni giorno droghe leggere, anche a scuola, c’è da preoccuparsi. Fumando le cosiddette ‘canne’, a livello fisico aumentano i battiti cardiaci, si dilatano le pupille e si arrossano le congiuntive, aumenta il senso della fame, si avverte la bocca impastata e secca, si ha spesso emicrania e si può arrivare, dopo grosse assunzioni, a svenimenti e collassi. A livello mentale subentra un calo dell’attenzione, della coordinazione motoria e delle capacità della memoria per tutta la durata degli effetti. Più il consumo è abituale, più a lungo durano questi effetti. Poi ci può essere una forte tendenza a ripeterne l’uso, condizione questa che innesca i meccanismi biologici della dipendenza….

Per leggere tutto il testo visita:  http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2327

Annunci

3 commenti

Archiviato in NEWS & INFO

3 risposte a “APPROFONDIMENTI – DROGHE ‘LEGGERE’, CONSEGUENZE ‘PESANTI’

  1. saonarattiva

    L’uso di sostanze stupefacenti tra i giovani suona sempre come un campanello d’allarme, è sintomo di malessere interiore, di disagio sociale che richiama tutti i soggetti ad un’azione di coordinamento, attraverso una politica della prevenzione, ma soprattutto dell’ascolto.
    Da tempo l’Amministrazione Comunale e in primis il primo cittadino di Saonara Andrea Buso ha saputo terere alta l’attenzione verso quei giovani, anche in difficoltà, coinvolgendoli nella vita associativa per dare loro la possibilità di beneficiare di uno scambio di esperienze e di cultura. A questo si aggiunge l’attuazione di programmi di sostegno alle famiglie, interventi nelle scuole e sul territorio attraverso politiche integrate tra le istituzioni.
    La nostra posizione politica a riguardo è netta: siamo per il divieto assoluto di ogni tipo di droga, e per cercare di allentare con tutte le nostre forze questi disagi attraverso le nostre attività.

    http://saonarattiva.wordpress.com

  2. bachelor00

    Allora, premetto: sono uno studente di medicina ed aver letto questo articolo mi ha alquanto inalberato.
    Non volgio parlare della questione morale della faccenda, ma di quella puramente scientifica e le ricadute terapeudiche riguardanti la legalizzazione delle droghe leggere.
    “Gli effetti e i danni provocati dall’uso di stupefacenti, di qualsiasi tipo, sono sempre estremamente gravissimi.” A parte l’espressione “estremamente gravissimi” mi ha fatto sorridere, se non ridere, l’affermazione, dal momento che nessuna ricerca scientifica fino ad ora ha dimostrato effetti a lunga durata concernenti l’uso di cannabis, bensi vi sono numerosi studi che ne hanno dimostrato l’efficacia nella cura di disturbi antiemetici e soprattutto analgesici (dolore tumorale perlopiu).
    “Più il consumo è abituale, più a lungo durano questi effetti”, casomai il contrario, non so se avete mai sentito parlare di sensibilizzazione recettoriale, credo di no.
    “Non si capisce, purtroppo, che non esistono, in senso assoluto, droghe leggere e droghe pesanti” forse chi ha scritto questo articolo no sa che, effettivamente, questa distinzione ha senso ed esiste.

    Quindi, smettiamola di diffondere false notizie e diamo un taglio all’ipocrisia!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...