Archivi tag: accordi

ACCORDO TRA L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE PAPABOYS E L’ISTITUTO DI RICERCA GIOVANILE ‘DYSS’

ROMA – E’ stato sottoscritto nella mattina di oggi un protocollo d’intesa tra l’Associazione Nazionale Papaboys e l’Istituto di Ricerca DYSS (Development Young Social Statistic) nella prospettiva di realizzare una serie di ‘sondaggi – inchiesta’ a livello internazionale sui giovani, le caratteristiche dell’universo giovanile, ed il rapporto tra i giovani stessi e la società (la fede, la Chiesa, il lavoro, la politica). “E’ avvero stimolante – questa la dichiarazione del responsabile dell’ufficio stampa dell’Associazione dei Papaboys Dr. Giovanni Profeta – pensare di conoscere in maniera ancora più diretta ed attenzionata le istanze dei giovani, anche attraverso ‘dati certi’ che possiamo produrre e contribuire ad analizzare’. ‘Non sempre – continua la nota dei Papaboys – i dati statistici che vengono elaborati sulla generazione giovanile ci convincono e vogliamo portare il nostro contributo per una più corretta e veritiera analisi sulle tendenze dei giovani; in questa chiave lettura si può intendere la collaborazione tra la nostra associazione e l’Istituto Dyss, che figura tra i leader europei in campo di inchieste e sondaggi sul mondo giovanile, in paesi importanti come Francia, Spagna, Inghilterra’.

La “DYSS” (Development Young Social Statistic) è un Istituto di ricerca sociale giovanile a livello internazionale che ha sedi a Roma, Londra e New York, nasce nel corso di questo 2009 per merito di alcuni giovani ricercatori con la voglia di capire come e cosa pensano i giovani di oggi. L’istituto di ricerca intende rilevare gli umori di tutti i giovani del mondo su determinate tematiche, posizionandosi come una grande lente d’ingrandimento per individuare gli atteggiamenti del popolo giovanile e capirne le motivazioni. ‘Problematiche’ e ‘fenomeni’ giovanili, sempre in chiave sociologica, vengono studiati mediante strumenti qualitativi e quantitativi innovativi e molto vicini allo sfruttamento applicativo delle nuove tecnologie e diverse sono le metodologie applicate.

La prima ricerca su larga scala che sarà proposta sarà relativa al rapporto tra ‘i giovani e la santità’, rapporto visto come possibilità e che verrà analizzato in maniera particolare e molto dettagliata. L’Associazione Nazionale Papaboys contribuirà a questa analisi attraverso l’impegno di contatto con l’universo giovanile, non solo cattolico e cristiano, nei diversi continenti.

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

NELLA NOTTE ACCORDO AL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ ONU “CESSATE IL FUOCO NELLA STRISCIA DI GAZA”.

 

 

 

 

 

NEW YORK – C’è accordo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla bozza di risoluzione per il cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza. Il Consiglio, ha fatto sapere un diplomatico palestinese, voterà il documento nella seduta di questa sera alle 23 ora italiana. “C’e’ un accordo, gli emendamenti arabi sono stati accettati”, ha detto ai giornalisti Ryad Mansour, osservatore per la Palestina presso l’Onu. Alle 23 consultazioni del Consiglio di sicurezza a porte chiuse dove probabilmnte si voterà il testo. La versione del testo sottolineerebbe, secondo quanto riportano fonti diplomatiche “la necessità di una tregua immediata nella Striscia di Gaza”.

Grave situazione umanitaria
E’ sempre più grave la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza dove le Nazioni Unite hanno annunciato la sospensione dell’attività. Un ultimo bilancio da fonte mediche palestinesi parla di 763 vittime dall’inizio dell’offensiva. E mentre il Dipartimento di Stato Usa ha rivolto un appello ad Israele perché prolunghi le ore in cui lascia passare gli aiuti urgenti per la popolazione stremata, al Palazzo di Vetro si lavora intensamente a una risoluzione che integri il cessate-il-fuoco immediato con un’azione per fermare il traffico di armi e con l’apertura di corridoi umanitari. Sul tavolo del Consiglio di Sicurezza c’è anche una nuova proposta di risoluzione dei Paesi arabi, che chiede “il cessate-il-fuoco immediato” e la sospensione di tutte le attività militari, sia israeliane che dei gruppi palestinesi, Hamas incluso; gli arabi chiedono inoltre l’immediata rimozione del blocco israeliano sulla Striscia. Intanto però i gruppi fondamentalisti ed estremistici hanno respinto il piano franco-egiziano per il cessate il fuoco, che – secondo Hamas e le altre organizzazioni – “non ha basi valide” e lascia “le mani libere al nemico”.

Nuovo fronte bellico
Il timore è che, al tredicesimo giorno dell’offensiva ‘Piombo fuso’, dopo che stamane sono caduti su Israele razzi lanciati dal Libano, il conflitto in Medio Oriente possa ampliarsi. L’attacco ha provocato solo cinque feriti lievi, ma fa temere l’apertura di un nuovo fronte bellico regionale, nella stessa area teatro nell’agosto 2006 della guerra-lampo tra le truppe israeliane e le milizie sciite libanesi di Hezbollah, e dove sono schierati anche i soldati italiani dell’Unifil II, la Forza Interinale delle Nazioni Unite. E l’emergenza umanitaria cresce di ora in ora: l’Agenzia dell’Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa) ha deciso di sospendere le sue operazioni perché considera troppo rischioso continuare la propria attività: la decisione è stata annunciata dopo che sono rimasti uccisi due autisti di convogli che portavano aiuti. L’agenzia Onu, la più importante nella zona, distribuisce aiuti umanitari a 750.000 persone in territorio palestinese.

Per leggee tutto il testo visita:  http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2085

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

LOMBARDIA – ORATORI CREMONESI E CREMASCHI: ACCORDO DIOCESI E PROVINCIA

CREMONA – Rinnovo triennale della collaborazione tra la Provincia e le Diocesi di Cremona e Crema nell’ambito della Pastorale giovanile. La convenzione legata al progetto. Formare i formatoria è stata sottoscritta dal presidente Giuseppe Torchio con l’assessore alla Cultura e Politiche Giovanili, Denis Spingardi, con i delegati della pastorale don Gianpaolo Rossoni (Cremona) e don Giancarlo Scotti (Crema).

La collaborazione riguarda la formazione degli operatori che agiscono nell’ambito oratoriano e progetti rivolti a bambini, adolescenti, giovani, in rapporto alle responsabilità della famiglia, nell’ambito dell’educazione, dell’aggregazione e si sviluppa attraverso la promozione di attività sociali, educative, culturali, sportive, di informazione, consultazione e ricerca circa i bisogni e le esigenze del territorio provinciale, e la sperimentazione di attività e metodologie dà intervento a sostegno di progetti e azioni di interesse generale, promossi dagli Uffici di Pastorale Giovanile e dagli Oratori aggregati. Tra le novità dell’intesa, la durata triennale e l’avvio di una proficua collaborazione con la Fondazione Comunitaria tramite il cofinanziamento del progetto. La Provincia – spiega il Presidente Torchio – vuole essere parte attiva di un sistema integrato a favore dell’area giovanile e delle famiglie. Con questo accordo riconosciamo agli Uffici per la Pastorale Giovanile delle Diocesi di Cremona e Crema, mediante gli Oratori, il ruolo di promotore di interventi sociali, culturali ed educativi e di altre opportunità nell’area dei minori, degli adolescenti e dei giovani e, pertanto, supporteremo le Diocesi nello svolgimento delle iniziative educative, culturali e sociali riconosciute dal protocollo d’intesa, con modalità che saranno definite a seguito della presentazione di specifici

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO