Archivi tag: cardinale sepe

MENTRE ‘IMPAZZA’ IL FACEBOOK DEL CARDINALE SEPE, I PAPABOYS CI ORGANIZZANO LA PRIMA FESTA ‘ON LINE’

ROMA – Facebook è la vera novità multimediale dell’ultimo anno, milioni di account in tutto il mondo, politici, autorità, illustri ospiti…. ed anche un Cardinale, quello di Napoli, Crescenzio Sepe. E proprio mentre ‘impazza’ il facebook del Cardinale di Napoli, l’Associazione dei Papaboys, per iniziativa del Presidente Nazionale Daniele Venturi e del Responsabile del settore ‘Sport’ dell’Associazione Moreno Sportoletti, lanciano la prima festa ‘on line’, che sfocierà in un appuntamento alla discoteca Gilda di Roma il 13 novembre di giovedi’ sera. Il Cardinale Sepe su Facebook? I Papaboys in discoteca? Ma c’è qualcosa che non va??? Assolutamente no, anzi, cerchiamo di ricostruire la vicenda. Crescenzo Sepe: tanto di fotografia, composta e rasserenante per la verità, e di lista di amici, circa 200 nomi nuovi ogni giorno. La sua pagina, curata da Carmine Grovino, resposabile del sito della Curia di Napoli, è ricca di elementi biografici: dagli studi al seminario di Aversa alla Pontificia Università Lateranense. Ma gli amici non bastano, occorre anche far parte di gruppi speciali e in ciò l’uomo di Chiesa non fa eccezione: Fan di Don Bosco e Amici delle Acli nel mondo sono solo alcune delle community di cui Sepe prende parte.

“Bisogna andare laddove c’è la gente” – ha commentato il Cardinal Sepe – “e se la gente è su Facebook, noi andiamo anche là. Mi scrivono in tutte le lingue” – ha detto – “ma il napoletano è sempre la lingua più bella e più usata”. E mentre il Cardinale Sepe conosce nuovi giovani da tutto il mondo su Facebook, anche i giovani dell’Associazione Papaboys stanno organizzando la loro prima festa su Facebook. ‘Abbiamo scelto una partita di calcio ed una serata in discoteca – dichiara Moreno Sportoletti (Responsabile del settore Sport dell’Associazione Papaboys) perchè è sempre bello conoscere nuovi ragazzi anche fuori dai normali spazi di ritrovo della Chiesa. Abbiamo invitato anche ragazzi e ragazze che non fanno parte dell’Associazione e che abbiamo conosciuto su Facebook o su altre chat’. Ad ora, oltre ad un gruppo di amici su Facebook, hanno già aderito circa 250 ragazzi. Sara’ davvero una serata interessante e che ancora può crescere.’

L’appuntamento al Gilda, Sabato 13 novembre alle ore 21, è anche facente parte di una inivitiva più ampia dove la Nazionale di calcio dei Papaboys sarà premiata: si tratta del 9° Premio Internazionale “PIAZZA DEL POPOLO”, idea del Presidente Benito Corradini dell’Accademia Internazionale ‘La Sponda’. con la collaborazione del Sindacato Cronisti Romani, Presidente Romano Bartoloni. Il Programma della Serata, condotta da Sandra Silva, prevede l’esibizione della Scuola di Ballo “Caribe Mania” , direttrice Luana Rossi, la Danza dell’Astra Roma Ballet diretto da Diana Ferrara, il Defilé di Alta Moda, le Performances musicali del tenore Domenico Cannizzaro in “Melodie Italiane” e le Canzoni Romane di Giorgio Onorato. Il 9° Premio “PIAZZA DEL POPOLO”, un Trofeo realizzato dall’artista Angelo Camerino, verrà conferito su indicazione dell’apposita Giuria, presieduta dal Giornalista Romano Bartoloni, a Personalità e Personaggi. Sono previsti Premi Speciali con Litografie degli Artisti Orlando Gonnella, Olga Minardo, Luciano Primavera, Mauro Salvini, Mario Testa, Valan. È prevista la presenza di Rappresentanti Diplomatici, Autorità, Personaggi dello Spettacolo, dello Sport, della Cultura e dell’Arte. Sarà un buffet e tanta bella musica a concludere questa festa di giovani e di amicizia. Una delle prime feste in Italia che nasce da Facebook, sicuramente la prima dell’Associazione dei Papaboys.

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

DA ROMA SI ALZA IL GRIDO CONTRO LA CAMORRA. PRESENTATO LIBRO DEL CARDINALE SEPE

ROMA – Pubblico delle grandi occasioni ieri pomeriggio all’Auditorium Augustianum per la presentazione del libro del Cardinale di Napoli Sepe che alza la voce contro la camorra. Un viaggio nel cuore di Napoli, quella della camorra appunto e dei rifiuti, nelle strade delle periferie più dissestate: lo ha compiuto il cardinale di Napoli per raccontare nel suo libro una realtà difficile dove però non manca chi si impegna per non rubare la speranza, come sacerdoti, medici, volontari che vogliono costruire. Il male non può vincere, ha detto il porporato alla presentazione del libro, Napoli bisogna amarla per risvegliarla. Sull’impegno concreto della Chiesa, sentiamo lo stesso cardinale Crescenzio Sepe: “Abbiamo cercato non soltanto a parole, ma con i fatti cosa potevamo realizzare e si sta realizzando ormai dappertutto un oratorio in ogni parrocchia e nelle parrocchie stesse si stanno creando delle minicooperative per insegnare ai giovani come lavorare il cuoio o la ceramica: tutte cose, queste, che possono essere utili. In cento parrocchie abbiamo messo dei centri informatici per insegnare ai giovani ad usare questi strumenti, che potranno dare loro domani uno sbocco concreto nella società. Abbiamo tante, tante iniziative, magari piccole, ma certamente sono segni di speranza per dire che si può, si può ricostruire partendo soprattutto dai giovani”.

”Ha scritto un bellissimo libro su Napoli e soprattutto è bellissimo il suo impegno per Napoli”, ha affermato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a margine dell’incontro. Il capo dello Stato ha poi assicurato che si veglia sulla sicurezza di Roberto Saviano, sotto scorta da due anni perché con il suo libro, “Gomorra”, ha aiutato a fare luce sull’attività criminale dei Casalesi. Oggi Saviano ha, però, espresso l’intenzione di lasciare l’Italia per non vivere – ha detto – prigioniero di me stesso, del mio libro, del mio successo. A lui, ieri, la solidarietà del cardinale Sepe.

Per leggere tutto il testo visita: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1861

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

Prossimi appuntamenti per i PAPABOYS della Campania… ma non solo

“La giustizia è la salvaguardia del creato; non può che essere frutto dell’impegno solidale di tutti nel perseguire il bene comune” Giovanni Paolo IISalerno – Con questo proposito si apre il XXIII Congresso Provinciale delle ACLI Salernitane, che nella persona del Presidente Emilio Fusco, hanno invitato anche noi dell’Associazione Papaboys a presiedere a tale evento. Il tema proposto per quest’anno è: “Migrare dal novecento. Abitare il presente. Servire il futuro”.Il programma si svolgerà a partire dalle ore 16,30 del 22 Febbraio prossimo presso l’Auditorium del complesso Salerno Energia, sito in via S.Passaro a Salerno. Come di consuetudine, sarà la liturgia della Parola presieduta da S.E. Mons. Gerardo Pierro, ad aprire i lavori, che proseguiranno con interventi di illustri personaggi  dello scenario politico ed economico salernitano tra cui il Presidente della Provincia, Angelo Villani, il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, l’Europarlamentare Alfonso Andria, ed i Segretari Generali di Salerno di CGIL, CISL e UIL. “Anche se tutti i fiori saranno strappati nessuno potrà fermare la primavera di questa città”.

Pompei (NA) – Domenica 24 febbraio alle ore 16,00 presso i locali della C.E.C., nei pressi della Basilica, vi è l’incontro degli incaricati diocesani della Pastorale Giovanile della Campania per programmare al meglio il momento regionale di GMG del 19 e 20 luglio 2008.

L’invito è rivolto anche ai giovani laici disposti a collaborare per organizzare questo momento molto complesso. Si programmerà la gestione per le Catechesi, Veglia, Santa Messa, Missione, Animazione, Accoglienza, Iscrizione, Volontari.

 

Napoli – Lunedì 25 febbraio, alle ore 11 in via Piazzolla al Trivio,15 si inaugura la Sede e viene presentata la Fondazione “A’ voce d’è creature”.

La Fondazione nasce dalla consapevolezza che la civiltà di una città, nazione o territorio si misura dal rapporto con i suoi bambini e con il futuro dei suoi ragazzi.

Costituitasi il 14 dicembre scorso, la Fondazione raccoglie le esperienze e le energie di persone, gruppi, associazioni, istituzioni della città di Napoli messi insieme dall’esperienza di don Luigi Merola a Forcella, il quale, proprio come il chicco di grano che cade in terra e muore, fa nascere vita nuova, capace di moltiplicare e allargare i solchi di quel cammino.

Gli scopi perseguiti dalla Fondazione possono essere raggruppati in tre filoni: il primo ha ad oggetto la realizzazione di interventi di recupero ai percorsi scolastici e di contrasto in tutte le forme possibili di dispersione scolastica, nonché di sostegno a progetti educativi e di formazione alla cittadinanza attiva. Il secondo ha per oggetto interventi e progetti finalizzati all’erogazione di servizi assistenziali, di aggregazione sociale e integrazione culturale. Il terzo ha ad oggetto la dotazione di strumenti necessari per facilitare la collocazione occupazionale, attraverso la formazione alle nuove figure professionali, e recuperando antichi mestieri e professioni artigiane.

La Fondazione ha sede nella storica villa di “Bambù”, confiscata alla camorra e assegnata nel 2006 al comune di Napoli. L’ex villa del boss Brancaccio di Poggioreale, situata in via Piazzolla al Trivio, nel quartiere Arenaccia, è composta da tre piani rispettivamente di 230, 300 e 20 mq.

La struttura, è stata ristrutturata dall’assessorato alla Legalità del comune di Napoli con i fondi del PON Sicurezza.

Questa tipologia di azione è finalizzata a restituire alla cittadinanza immobili frutto di attività illegali, al fine di creare centri di aggregazione e socializzazione e rafforzare il senso di identità e di legalità in contrapposizione agli atti criminali. Il riportare a nuova vita questi immobili, restituendoli ai cittadini, è la dimostrazione che la camorra può essere vinta.

Interverranno:

Prof. Andrea Rullo, Presidente della Fondazione, Sen. Roberto Centaro, già Presidente Commissione Antimafia, dott. Luigi De Sena, Prefetto, On. Giuseppe Fioroni, Ministro della Pubblica Istruzione, On. Rosa Iervolino Russo, Sindaco di Napoli, Sen. Nicola Mancino, vice Presidente CSM, don Luigi Merola, Assistente spirituale della Fondazione, dott. Stefano Trapani, Presidente del Tribunale dei Minori di Napoli.

 

Napoli – Sabato 1 marzo alle ore 17,00 in Duomo, è previsto l’incontro di preghiera con i giovani universitari ed il Vescovo Crescenzio Sepe. Il tema della veglia è “Europa e Americhe insieme per costruire la civiltà dell’amore”. Saranno riuniti in preghiera i ragazzi di 10 sedi universitari d’Europa e d’America per la VI giornata degli universitari. Le università coinvolte sono quelle di Toledo, Avignone, Edimburgo, Minsk, Bucarest, New York, La Havana, Città del Messico, Loia ed Aparecida. A loro S.Em. Sepe ha voluto unire i giovani universitari Napoletani.

Durante la veglia è previsto un collegamento televisivo con l’aula Paolo VI in Vaticano dove Sua Santità Benedetto XVI rivolgerà il suo saluto ai giovani intervenuti.

Servizio a cura di Massimo Manzolillo

Delegato Regionale Papaboys Campania

regione.campania@papaboys.it

www.papaboys.it

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS