Archivi tag: Congregazione delle Cause dei Santi.

IERI A WÜRZBURG LA BEATIFICAZIONE DI GEORG HÄFNER, SACERDOTE TEDESCO MARTIRE DEL NAZISMO

CHIESA CATTOLICA (Würzburg, GERMANIA) – Un segno di vita da un campo di morte: è questo il significato dell’esistenza di don Georg Häfner, il parroco tedesco morto a Dachau nel 1942 che è stato Beatificato oggi nella sua città natale, Würzburg, dove era nato nel 1900. In rappresentanza del Santo Padre, che oggi ha ricordato il sacerdote dopo il Regina Caeli, c’era il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, cardinale Angelo Amato. 

Con un numero marchiato nella carne, il 28 876, e non più con il suo nome fu chiamato don Georg Häfner da quel terribile 12 dicembre 1941 in poi, in cui fu deportato nel lager di Dachau per quella che, con un assurdo eufemismo, veniva definita “custodia protettiva”. La sua unica colpa era la sua stessa missione pastorale e la sua opposizione al nazismo, che oggi sappiamo essere stata ideologia anticristiana oltre che antiumana. Il suo ‘errore’ fatale era di avere come solo obiettivo nella vita di essere amore per gli altri, rivelare amore e donare amore. Di questo il mite parroco di Oberschwarzach restò vittima, come ci ricorda il cardinale Angelo Amato:

“A causa del pesante lavoro manuale e della scarsa nutrizione, don Georg si era ridotto in fin di vita. L’insorgenza, poi, di un’infiammazione purulenta al piede destro e la carenza di cure adeguate avevano ulteriormente infiacchito il suo fisico. Portato troppo tardi in infermeria, vi morì il 20 agosto 1942”. Don Georg morì “in aerumnis carceris”, cioè a causa dei tormenti subiti durante la prigionia, e per questo Papa Benedetto XVI nel 2009 lo ha proclamato martire. Nei mesi che trascorse all’interno del campo di sterminio, il sacerdote si abbandonò completamente a Dio, amando profondamente la Croce e rivivendo su se stesso la passione di Gesù, perdonando fino in fondo, come Cristo, i suoi aguzzini. “Non vogliamo né condannare né serbare rancore nei confronti di nessuno, vogliamo solo essere buoni verso tutti”, disse poco prima di morire, estrema sintesi del modo in cui visse la propria condanna alla deportazione:

continua su: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=4970

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

BISCEGLIE, DA DOMANI UNA TRE GIORNI DI INIZIATIVE IN MEMORIA DEL FUTURO BEATO GIOVANNI PAOLO II

SPECIALE BEATIFICAZIONE (Bisceglie) – Bisceglie per tre giorni sarà impegnata in iniziative culturali e religiose in occasione del sesto anniversario della “salita al cielo” di Papa Wojtyla: l’Associazione Giovanni Paolo II, presieduta dal professor Natale Monopoli, torna così a parlare di sé organizzando questa particolare iniziativa in occasione dell’imminente beatificazione dell’indimenticato Papa polacco. La tre giorni in onore di Papa Wojtyla inizierà domani, alle 18, nella cattedrale della cittadina pugliese, che accoglierà in visita pastorale padre Zdzislaw Kijas, relatore presso la Congregazione delle Cause dei Santi.

Particolarmente ricca di eventi sarà la giornata di sabato 2 aprile: alle 10, in via Giovanni Paolo II, gli studenti delle scuole di Bisceglie, dopo un breve momento di preghiera, presenteranno diversi elaborati, come cartelloni, striscioni e disegni dedicati alla memoria di Giovanni Paolo II, mentre alle 11:30, nella cattedrale, avverrà la consegna degli attestati alle classi che hanno partecipato al progetto. Alle 17 invece, presso l’Abbazia Santi Matteo e Nicolò, verrà presentato il libro “Caro Signor Papa” (edizioni Messaggero) di Elisabetta Lo Iacono, giornalista e docente di giornalismo presso la Pontificia Università teologica San Bonaventura Seraphicum di Roma.

continua su: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=4610

Lascia un commento

Archiviato in BEATIFICAZIONE GIOVANNI PAOLO II, GIOVANNI PAOLO II, NEWS & INFO