Archivi tag: eucarestia

GIOVANNI PAOLO II ED EUCARESTIA AL CENTRO DI DUE APPUNTAMENTI AL SANTUARIO MARIANO DI POMPEI

SPECIALE BEATIFICAZIONE (Pompei) – Per vivere in pienezza il periodo della Quaresima e conoscere a fondo la vita e il magistero di Papa Giovanni Paolo II, in vista della sua Beatificazione che avverrà il prossimo 1° maggio in Piazza San Pietro, il Santuario della B.V. del santo Rosario di Pompei propone a tutti i fedeli due itinerari di catechesi: uno, a partire dal 17 marzo, sul tema dell’Eucarestia e la sua importanza nella vita quotidiana, l’altro, a partire dal 21 marzo, sulla vita dell’amatissimo pontefice polacco. Il cammino quaresimale della comunità pompeiana, che avrà inizio giovedì 17 marzo, sarà, dunque, illuminato e scandito da cinque appuntamenti che metteranno in luce e aiuteranno i fedeli a comprendere come l’Eucarestia, dono supremo di Cristo alla Sua Chiesa, illumina e sostiene gli ambiti della nostra esistenza: l’amore, le relazioni umane, il lavoro, l’educazione, l’economia, la politica, la cura dell’ambiente e anche la malattia.

Il percorso spirituale proposto, in preparazione al prossimo Congresso Eucaristico Nazionale che si terrà ad Ancona dal 3 all’11 settembre, nasce, infatti, dalla necessità “di una più profonda comprensione, per i fedeli cristiani, delle relazioni tra l’Eucarestia e la vita quotidiana”, così come ribadito dal Santo Padre Benedetto XVI nell’Esortazione Apostolica Sacramentum Caritatis (2007). Ad aiutarci a riscoprire e a vivere questo dono ci saranno Mons. Enrico Dal Covolo, Vescovo tit. di Eraclea e Rettore della Pontificia Università Lateranense (Roma), il Card. Francis Arinze, Prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Mons. Edoardo Menichelli, Arcivescovo Metropolita di Ancona-Osimo, Mons. Mariano Crociata, Segretario Generale della C.E.I., e Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo Metropolita di Bari Bitonto. Gi incontri si terranno il 17, il 24 e il 31 marzo, il 7 e il 14 aprile, alle 18.00.

continua su:http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=4510

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, GIOVANNI PAOLO II, NEWS & INFO, SI ALLA VITA

VOGLIAMO LA PACE IN TERRA SANTA. PASSA DAL CALVARIO E DAL SEPOLCRO LA VITTORIA SULLA MORTE E LA PACE

JERUSALEM – Vorremmo diventare uomini e giovani di pace, ma di quale pace? La Terrasanta può aiutare a comprendere il concetto di pace, alla luce di un’altra dimensione. Gesù è venuto a portare il fuoco nel mondo, ma è venuto anche a sacrificare se stesso per compiere un miracolo nell’intimo del cuore di ciascuno di noi. Siamo davvero pronti ad accogliere questa pace? Se il cammino ci incuriosisce almeno, proprio questa terra di Gesù deve essere visitata, prima o poi nella vita. E’ davanti al dramma del Calvario con la crocifissione ed i chiodi che ancora colpiscono le mani di quell’uomo buono e giovane che si può iniziare a ritrovare la speranza, rafforzare la fede, pensare davvero al concetto di carità! E giu’ un chiodo! E poi un altro! E poi la lancia. Mandiamo a morire su una croce un uomo libero, senza pretese, se non quelle della giustizia che entra nella terra, senza neanche un processo.

continua su:http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=3302

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

IL PAPA INAUGURERA’ LA NOVENA DI NATALE CON IL MONDO DEGLI UNIVERSITARI IL 17 DICEMBRE IN VATICANO

CITTA’ DEL VATICANO – Iniziato da Giovanni Paolo II nel lontano 1979, prosegue il tradizionale incontro degli universitari con il Papa in preparazione al Santo Natale. Quest’anno, per la prima volta, sarà Benedetto XVI a presiedere l’incontro, con la recita solenne del Vespri, nel primo giorno della novena di Natale. Il 17 dicembre iniziano le ferie d’Avvento, con le grandi Antifone del Magnificat. Il Papa inizia la novena di Natale con gli universitari. Tema dell’anno pastorale della diocesi di Roma per gli universitari: Eucarestia e carità intellettuale. Al termine della preghiera avverrà il passaggio dell’Icona della Sedes Sapientiae dalla delegazione australiana a quella nigeriana. L’Icona inizierà il cammino nelle Università africane coordinato dal SECAM (Simposio delle Conferenze d’Africa e del Magadascar). Il Natale, in continuità con il Sinodo speciale per l’Africa, avrà per tema: Un nuovo ponte della conoscenza con l’Africa. L’Icona sarà a Roma dal 14 dicembre nella Basilica di S. Pietro in Vincoli, dove si alterneranno incontri di preghiera animati dagli universitari africani. Mercoledì 16 dicembre avrà luogo il convegno sulla cooperazione universitaria con l’Africa promosso dalla Direzione generazione alla Cooperazione allo sviluppo e la sera il Concerto per l’Africa presso la Basilica di S. Maria degli Angeli.

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

CHE COSA E’ L’ADUNANZA EUCARISTICA? NE PARLA UN DOSSIER DELL’AGENZIA VATICANA FIDES

luCITTA’ DEL VATICANO – (Agenzia Fides) – L’AdunanzA Eucaristica Nazionale è una preghiera di 12 ore nel cuore della notte che inizia con la Celebrazione dell’Eucarestia, solitamente presieduta da un Vescovo all’interno della propria Diocesi, e che riunisce intorno a Gesù, tutti i movimenti laicali ed associazioni della Diocesi stessa in cui si tiene. L’Adunanza Eucaristica’ nasce dal desiderio di condurre alla presenza del Signore ogni persona, in particolar modo i giovani, perché possano sperimentare in questa reale Presenza Eucaristica la fonte e la forza per un nuovo inizio o per continuare il cammino alla sequela del Signore Gesù; essa, pur essendo a grandi linee un evento di Adorazione ed Evangelizzazione che unisce “Gesù, giovani e notte”, prende per modi, tempi e clima spirituale una connotazione originale ed incisiva.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2739

Lascia un commento

Archiviato in ADUNANZE EUCARISTICHE, ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

L’EUCARESTIA CI RENDE CAPACI DI VIVERE LA COMUNIONE CON DIO NELLA FEDELTA’. PAROLA DEL PAPA

papaCITTA’ DEL VATICANO – Circa 20 mila fedeli hanno accolto Benedetto XVI in piazza San Giovanni, dove il Pontefice ha celebrato la Santa Messa nella solennità del Santissimo Corpo e Sangue del Signore sul sagrato della Basilica Lateranense, sua Cattedrale come vescovo di Roma. Il Cenacolo, la Pasqua celebrata da Gesù con i discepoli, “l’istituzione dell’Eucaristia come anticipazione e accettazione da parte di Gesù della sua morte”. Sono le immagini evocate da Benedetto XVI nell’omelia per spiegare il “Sacrificio eucaristico” che si rinnova nelle parole: “Questo è il mio corpo, questo è il mio sangue ”. Un sacrificio nel quale si “realizza l’espiazione dei peccati” ma che si completa nella nuova alleanza, confermata “non con sacrifici di animali” bensì con il sangue di Gesù, divenuto “sangue della nuova alleanza”. Gesù è “mediatore” di un nuovo patto, “al tempo stesso – aggiunge il Papa – vittima degna di Dio perché senza macchia, e sommo sacerdote che offre se stesso, sotto l’impulso dello Spirito Santo, ed intercede per l’intera umanità”.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2698

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

VATICANO – Domenica 26 aprile in piazza San Pietro la Canonizzazione di cinque Beati

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – Domenica 26 aprile 2009, III Domenica di Pasqua, alle ore 10, il Santo Padre Benedetto XVI celebrerà l’Eucaristia sul sagrato della Basilica Vaticana e procederà alla Canonizzazione di cinque Beati: Arcangelo Tadini, (1846-1912), presbitero, fondatore della Congregazione delle Suore Operaie della Santa Casa di Nazareth; Bernardo Tolomei (1272-1348), Abate, fondatore della Congregazione di Santa Maria di Monte Oliveto dell’Ordine di San Benedetto; Nuno De Santa Maria Álvares Pereira (1360-1431), religioso, dell’Ordine dei Carmelitani; Geltrude Comensoli (1847-1903), vergine, fondatrice dell’Istituto delle Suore Sacramentine; Caterina Volpicelli (1839-1894), vergine, fondatrice della Congregazione delle Ancelle del Sacro Cuore.

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

A novembre 2009 nelle Filippine la “GMG asiatica” su Parola di Dio ed Eucarestia

Molti ricordano ancora la Giornata mondiale della gioventù che si celebrò a Manila nel 1995: con quello stesso spirito le Filippine si preparano ad ospitare, dal 20 al 27 novembre 2009, la V “Giornata della Gioventù Asiatica” (Asian Youth Day) che riunisce i giovani del continente. Nei giovani asiatici risuona pure l’eco della Gmg di Sydney 2008. Come notano i delegati di Pastorale giovanile di vari Paesi dell’area del Sudest, sono però altrettanti coloro che non hanno potuto prendere parte al grande raduno australiano e che invece potranno respirarne lo spirito all’Asian Youth Day. A organizzare la Giornata, si legge in una nota dell’agenzia Fides, è il coordinamento di Pastorale giovanile in seno alla Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia. Sulla scia del Sinodo dei vescovi, tenutosi in Vaticano nell’ottobre scorso, i presuli dell’Asia hanno inteso continuare la tradizione di un appuntamento giunto ormai alla sua V edizione con questi obiettivi: “Rinnovare la fede dei giovani asiatici, nell’amore alla Parola di Dio e all’Eucarestia; celebrare con modalità specificamente giovanili la Parola e l’Eucarestia nei diversi contesti e culture asiatiche; rendere i giovani agenti di trasformazione nelle diverse Chiese locali in Asia”. La Gmg asiatica, che durerà una settimana, sarà infatti centrata sul tema della Parola di Dio e dell’Eucarestia. Si prevede che parteciperanno alla Giornata delegazioni di 22 Nazioni. I giovani provenienti dai diversi Paesi saranno ospitati in famiglie e parrocchie. Seguiranno catechesi, seminari di gruppo, celebrazioni eucarestiche e della Riconciliazione. Incontri preparatori fra i delegati di Pastorale giovanile delle diverse Conferenze episcopali dell’Asia si svolgeranno a partire da marzo nelle Filippine

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO, SIDNEY 2008 - LA GMG

L’ADORAZIONE DEI PAPABOYS IN CAMPANIA

San Bartolomeo in Galdo (BN) – L’Eucaristia rientra nella logica dell’amore, non dell’apparenza. Nell’Adorazione Eucaristica Gesù è presente in mezzo a noi in modo vero, reale e sostanziale: con il suo Corpo e il suo Sangue, la sua Anima e la sua Divinità. Solo chi ama veramente non monetizza e non misura il tempo trascorso con la persona amata: anzi cerca di prolungarlo il più possibile. Per noi cristiani stare alla presenza di Gesù è dono prima ancora che scelta, è grazia più che dovere. La vita dei santi rivela la loro gioia di sostare a lungo in compagnia di Cristo Eucaristico, riserva di energia e di lungimiranza per ogni altra attività, e noi dobbiamo prendere esempio da loro. Il culto reso all’Eucaristia fuori della Santa Messa ha un valore inestimabile, strettamente congiunto con la Celebrazione del Sacrificio Eucaristico che accresce la nostra unione con Cristo e la sua Chiesa, conserva e rinnova la vita di grazia e ci fa crescere nell’amore verso il prossimo. “È bello intrattenersi con Lui, e chinati sul suo petto come il discepolo prediletto, essere toccati dall’amore infinito del suo cuore. Se il cristianesimo deve distinguersi, nel nostro tempo, soprattutto per ‘ l’arte della preghiera’ , come non sentire un rinnovato bisogno di trattenersi a lungo, in spirituale conversazione, in adorazione silenziosa, in atteggiamento di amore, davanti a Cristo presente nel Santissimo Sacramento?” (Ecclesia de Eucharistia, 25). L’Adorazione Eucaristica è un dono immenso che abbiamo per lasciarci avvolgere dal Suo amore, dalla Sua tenerezza di Padre buono e misericordioso, dalla Sua dolcezza. Abbiamo bisogno di sostare davanti a Gesù, abbiamo bisogno del Suo amore per essere ricaricati e rigenerati, abbiamo bisogno della Sua luce per essere illuminati in ogni azione, abbiamo bisogno della Sua presenza. Non possiamo vivere senza Cristo. È Lui che dona ristoro alla nostre anime stanche, è Lui che disseta la nostra sete, è Lui che ci fortifica nella carità. Lasciamolo agire nella nostra vita, ascoltiamo la Sua voce, mettiamoci alla Sua sequela, affidiamoci completamente a Lui, adoriamolo nel Santissimo Sacramento: Lui ha creato tutto, quindi, può tutto in qualunque momento.

Per  leggere tutto il testo visita : http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2206

Lascia un commento

Archiviato in ADUNANZE EUCARISTICHE, ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWSLETTER SITO

VENETO – I PROSSIMI APPUNTAMENTI PER I PAPABOYS DEL VENETO. ROSARIO, ADORAZIONE ED EUCARESTIA

VERONA – Continua l’impegno della Sede Regionale del Veneto dell’Associazione Nazionale Papaboys, che ha da pochi giorni iniziato l’attività per i ragazzi e le ragazze che vogliono camminare sempre più vicini a Gesù, Maria ed alla Chiesa. Le prime due settimane l’incontro si è svolto il venerdi’ sera nel Santuario di Maria del Frassino a Peschiera del Garda, con la recita del Rosario e la Santa Messa. Adesso arrivano altri appuntamenti: un’occasione da non perdere quindi, per i giovani, anche quelli lontani, che sono invitati a mettersi in discussione! Francesco, il Delegato Regionale dell’Associazione, ha predisposto 3 appuntamenti in questi giorni che vi invitiamo di cuore ad appuntare nelle vostre agende, perche no?

Ecco i prossimi appuntamenti per i Papaboys del Veneto:

Sabato 25 Ottobre alle ore 17.45 presso il Santuario della Madonna del Frassino: si inzierà con la recita del Santo Rosario, al termine la Celebrazione della Santa Messa, curata dai frati del Santuario. La celebrazione terminerà con la recita dei Vespri proprio insieme ai frati del Santuario.

Domenica 26 Ottobre al cenacolo di S. Martino di Schio (VI) l’appuntamento è alle 15.00 con una catechesi alla quale seguirà alle ore 16.00 l’Adorazione Eucaristica. Un altro bell’incontro quindi, in un luogo mariano, per tutti i giovani interessati!

Martedì 11 Novembre vi segnaliamo invece presso la Cattedrale di Verona alle ore 19.00 la Celebrazione, anche per i giovani, di una Santa Messa di liberazione e guarigione presieduta da don Gino Oliosi, monsignore esorcista della Diocesi di Verona.

Cari amici associati del Veneto, ma anche cari ragazzi e ragazze, vi aspettiamo per questi incontri dove poter incontrare Gesù, attraverso Maria, e dove poter davvero ricominciare il cammino cristiano e riprenderlo da lì, dove lo abbiamo lasciato!

Per informazioni e partecipazione:
Francesco Parise
regione.veneto@papaboys.it

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

BENEDETTO XVI: “NOSTRA FEDE NON NASCE DA UN MITO, NÉ DA UN’IDEA, BENSÌ DALL’INCONTRO CON IL RISORTO”

CITTA’ DEL VATICANO – La Risurrezione e’ un evento storico che pero’ non si esaurisce nella storia, ma continua nell’oggi. Lo ha ricordato questa Benedetto XVI presentando la teologia di San Paolo nell’Udienza Generale tenuta in Piazza San Pietro. “Gesu’ – ha detto il Papa – e’ risuscitato: Paolo usa il verbo al presente e non dice ‘fu risuscitato’, il tempo al passato di ‘mori’ e fu sepolto’. Gesu’, infatti, e’ risuscitato e continua a vivere nell’Eucaristia e nella Chiesa”. “L’Eucaristia – ha spiegato il Pontefice – illumina il mistero della Croce, sulla quale, dice ancora Paolo, e’ avvenuto un mirabile scambio: i peccati non sono piu’ nostri ma di Cristo”. Citando ancora Paolo e un commento di Sant’Ambrogio alle sue lettere, nel breve discorso rivolto ai fedeli, Benedetto XVI ha anche rammentato che per i cristiani “tutta la Scrittura e’ costituita da un unico libro: Cristo, perche’ la Chiesa delle origini ha riletto tutte le scritture partendo da Cristo e trovandovi Cristo”. “La nostra fede non nasce da un mito o da un’idea, ma dall’incontro con il Risorto nella vita della Chiesa”, ha sottolineato ancora il Papa. “Quanto piu’ cerchiamo di rintracciare le orme di Gesu’ di Nazaret per le strade della Galilea – ha sottolineato il Santo Padre -, tanto piu’ possiamo comprendere che egli si e’ fatto carico della nostra umanita’, condividendola in tutto, tranne che nel peccato”. Una convinzione, questa, sperimentata di persona e testimoniata dallo stesso Paolo, nell’importanza da lui attribuita alla “tradizione viva della Chiesa”. In questa prospettiva, ha puntualizzato il Pontefice, e’ “errata la visione di chi attribuisce a Paolo l’invenzione del cristianesimo: prima di evangelizzare, ha incontrato Cristo sulla via di Damasco e lo ha frequentato nella Chiesa, osservandolo nella vita dei dodici e in coloro che l’hanno seguito sulle strade della Galilea”. Illustrando la figura dell’Apostolo delle Genti, Benedetto XVI ha infine descritto il suo modo di rapportarsi con i dodici Apostoli. “I rapporti – ha concluso il Papa – erano segnati da profondo rispetto e da quella franchezza che contraddistingueva San Paolo nell’annunciare il Vangelo”.

Per leggere tutto il testo visita: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1776

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

‘CORPUS DOMINI’, IL RICHIAMO DI BENEDETTO XVI: I CRISTIANI SI PROSTRINO SOLO DAVANTI ALL’EUCARISTIA

CITTA’ DEL VATICANO – ”L’Eucaristia non puo’ mai essere un fatto privato, riservato a persone che si sono scelte per affinita’ o amicizia: e’ un culto pubblico, che non ha nulla di esoterico, di esclusivo”. Lo ha ricordato Benedetto XVI durante la Messa celebrata a San Giovanni in Laterano in occasione del ”Corpus Domini”, ribadendo che ”adorare il Dio di Gesu’ Cristo, fattosi pane spezzato per amore, e’ il rimedio piu’ valido e radicale contro le idolatrie di ieri e di oggi”. ”Stasera, non abbiamo scelto noi con chi incontrarci, siamo venuti e ci troviamo gli uni accanto agli altri, accomunati dalla fede e chiamati a diventare un unico corpo condividendo l’unico Pane che e’ Cristo”, ha rilevato il Papa sottolineando che ”siamo uniti al di la’ delle nostre differenze di nazionalita’, di professione, di ceto sociale, di idee politiche” e richiamando la celebre espressione di San Paolo: ‘Non c’e’ piu’ giudeo ne’ greco; non c’e’ piu’ schiavo ne’ libero; non c’e’ piu’ uomo ne’ donna, perche’ tutti voi siete uno in Cristo Gesù’ . ”Tutti voi siete uno – ha aggiunto il Pontefice -. In queste parole si sente la verita’ e la forza della rivoluzione cristiana, la rivoluzione piu’ profonda della storia umana, che si sperimenta proprio intorno all’Eucaristia: qui si radunano alla presenza del Signore persone diverse per eta’, sesso, condizione sociale, idee politiche”. Proprio questa apertura, ha osservato Benedetto XVI, ”e’ stata una caratteristica del cristianesimo realizzata visibilmente intorno all’Eucaristia, e occorre sempre vigilare perche’ le ricorrenti tentazioni di particolarismo, seppure in buona fede, non vadano di fatto in senso opposto”. Il Pontefice ha poi voluto sottolineare che ”inginocchiarsi davanti all’Eucaristia e’ professione di liberta’..

Per leggere tutto il testo visita : http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1317 

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, EUROPA CRISTIANA, NEWS & INFO

ADUNANZA EUCARISTICA DI CATANZARO: DUEMILA GIOVANI CON GESU’ PER ADORARE TUTTA LA NOTTE!

CATANZARO – Centinaia di giovani, e non solo, hanno attraversato per tutta la notte tra il 26 ed 27 gennaio la navata centrale della Basilica di Maria Santissima Immacolatadi Catanzaro, per portare il proprio ‘si’ ai piedi della croce e di fronte a Gesù, presente nel Santissimo Sancramento dell’altare. Una edizione particolare e ben riuscita dell’Adunanza Eucaristica Nazionale, voluta inprimo luogo dall’Arcivescovo Ciliberti dell’Arci Diocesi Catanzaro – Squillace che ha aperto l’Adunanza con un intervento personale e pregando il Santo Rosario insieme ai piccoli Papaboys della Scuola Materna Sant’Anna di Catanzaro. Iniziamo questo servizio con la pubblicazione di una lettera del Responsabile dei movimenti e delle Associazioni di Catanzaro, che riassume così quello che è successo nella notte calabrese.

“Carissimi fratelli e sorelle in Cristo
SIAMO ANDATI DA GESU’ CON IL NULLA DI NOI E SIAMO RITORNATI CON IL SUO TUTTO.
Questo potrebbe essere la sintesi della Notte dello Spirito (abbiamo ricevuto molto più gioia e felicità di qualunque notte bianca o rossa…) Credo che prossimamente avremo un servizio approfondito sia su internet che in TV, tuttavia nessuno potrà cancellare dal cuore questo sabato interamente speso per Dio. Lui ci ha proprio voluti bene, forse perché al di là di ogni ragionamento umano siamo stati capaci di dirgli di si attraverso questi angeli che ci ha mandato appositamente da Roma. C’è stato un uniterrotto andirivieni alle confessioni, da lontano scorgevo la mano dei sacerdoti sulla testa dei giovani che rinconciliavano l’immanente con il trascendente. Siamo dunque STRAFELICI e con il cuore colmo di gratitudine verso l’Adunanza Eucaristica, il nostro Arcivescovo, i Papaboys (che hanno richiesto e lavorato senza sosta per questa Adunanza), con la Chiesa tutta di Catanzaro-Squillace e i vari Movimenti, Gruppi e Associazione che con spirito di sacrificio, ma soprattutto con grande amore per il Signore, hanno tenuto compagnia a Gesù PRESENTISSIMO nell’Eucarestia dalle 19.00 alle 7 di questa mattina.
Ora, al prossimo incontro di Consulta vediamo insieme se possiamo realizzare il “sogno” dei fratelli dell’Adunanza di Roma (che per tutta la notte hanno trascinato decine di giovani in chiesa): l’Adorazione Perpetua nella nostra Basilica dell’Immacolata. Credo che faremmo un grande dono a Maria, alla nostra arcidiocesi e anche alla nostra terra, particolarmente bisogna di preghiere.

p.s. un piccolo miracolo di cui credo siamo stati tutti investiti. Abbiamo passato oltre dieci ore in preghiera, svegli tutti la notte e,nonostante i vari doloretti che ci fanno sempre compagnia, sono bastate poche ore di riposo per riprenderci. Che vogliamo di più?

Nella luce di Gesù Eucarestia
Franco Gallelli
Responsabile Diocesano dei Gruppi e Movimenti dell’Arcisiocesi di Squillace Catanzaro”

 Abbiamo voluto iniziare questo articolo con questo messaggio proprio perché quello che abbiamo vissuto nella notte tra il 26 ed il 27 Gennaio a Catanzaro è stato qualcosa di straordinario ed entusiasmante per tutti quelli hanno in qualche modo partecipato a questa “notte dello Spirito”. L’Adunanza di Catanzaro si è aperta diversamente dalle altre edizioni con una AdunanzA –Ragazzi dalle 19.30 alle 21.00 solennemente avviata da S.E. Mons.Antonio Ciliberti Arcivescovo di Squillace-Catanzaro, che con un afflato paterno ha accolto l’Assemblea con parole di incoraggiamento ed edificazione. Tre le “perle preziose” che si sono avvicendate in questa prima fase dell’AdunanzA: il Rosario dei Bambini animato dai bambini della locale scuola materna S. Anna , “ La Fabbrica dei sogni” un associazione che raccoglie ragazzi diversamente abili con le loro famiglie per un cammino alla luce della fede, e l’associazione Ente Nazionale Sordomuti di Catanzaro che nel loro linguaggio fatto di gesti hanno animato la preghiera.
E’ stato veramente commovente vivere assieme a queste tre realtà l’adorazione Eucaristica, condividendo con ciascuna delle tre il particolare modo di incontrare il Signore, in una apparente fragilità che assumeva alla Presenza Eucaristica un carattere di vera forza spirituale ed umana.

Non poteva esserci inizio migliore per questa AdunanzA preparata ed accolta con grande disponibilità da tutta la Diocesi rappresentata nei Gruppi e Associazioni presenti in grande numero per tutta la notte. Abbiamo visto alternarsi nell’animazione della preghiera Eucaristica tutte le associazioni vive e operanti nella Diocesi: Il Movimento Apostolico , il Rinnovamento nello Spirito, il Movimento dei Focolari e Movimento GEN, i seminaristi del Pontificio Seminario Regionale S.PioX, Le Comunità Neocatecumenali, l’Associazione Nazionale Papaboys, i ragazzi dell’Azione Cattolica, i Cenacoli del Cuore Immacolato di Maria, ciascuno nel loro particolare e prezioso carisma ha espresso l’amore e l’adorazione a quella Presenza Eucaristica centro e culmine dell’AdunanzA .

Una partecipazione tra le altre vogliamo sottolineare quella della Parrocchia dell’Immacolata proveniente con diversi Pullmans da Scilla (RC) che hanno testimoniato all’assemblea il grande dono di essere divenuti la prima Parrocchia Calabrese con l’Adorazione Eucaristica Permanente (24 ore al giorno tutti i giorni). Come sempre siamo abituati a vedere nelle Adunanze –senza mai volerci abituare a ciò- centinaia di ragazzi sono stati pescati per le strade del Corso ed invitati ad entrare in chiesa portando ai piedi del Santissimo un lumino con cui significare la loro fede e le loro preghiere.Volti sorpresi nel trovare una chiesa gremita nel cuore della notte ,volti raggelati dal vento della notte ma anche dalle ferite della vita che tornavano ai piedi del loro Amico Gesù, volti rigati di commozione per quel inaspettato incontro. Per non parlare poi dell’ininterrotto fiume di ragazzi che nel trascorrere della notte hanno ricevuto il sacramento della Riconciliazione dalle mani dei Sacerdoti Francescani della Basilica messisi al servizio per tutta la durata della manifestazione.

Si lo diciamo in ogni articolo e non ci stancheremo di farlo : Dio è vivente ed in ogni Adunanza noi testimoniamo di aver visto i segni della Sua Presenza e della Sua Opera in mezzo a noi.

Una particolare menzione va data a tutti gli operatori del settore che si sono affiancati a noi come Partner della comunicazione dell’Adunanza Eucaristica Nazionale,con il loro supporto a livello media e comunicazione: la trasmissioni televisiva ‘Verso Camelot’ (Oasi Tv) con l’ottimo Domenico Gareri che ha realizzato una ripresa no-stop nel corso dell’AdunanzA di Catanzaro allestendo all’esterno della Basilica un Camper adibito a studio-mobile dove raccogliere le esperienze e le testimonianze dei ragazzi – , la trasmissione televisiva Vatican Service News (con varie emittenti nazionali), la radio web On The Air (www.ascoltalaradio.it), il portale dei giovani cattolici http://www.korazym.org edito dall’Associazione Ragazzi del Papa,il portale ed ufficio stampa Informusic (www.informusic.it ) , il portale sul Pontificato di Benedetto XVI ‘Petrus’ (www.papanews.it ), ed il sito http://www.papaboys.it voce dell’Associazione Nazionale Papaboys , tutti si sono spesi in modo infaticabile nello spargere i semi di questa manifestazione di cui noi oggi cominciamo a raccogliere il frutto.

Di questo frutto vogliamo oggi parlare, che ogni Diocesi d’Italia possa essere raggiunta al più presto da una AdunanzA Eucaristica e che questa AdunanzA -come per le precedenti edizioni – diventi l’inizio di un cammino Eucaristico in quel luogo per instaurare da quel giorno in poi in una qualche forma e modo una Adorazione Eucaristica animata dai Gruppi e movimenti locali, fino al massimo livello: l’Adorazione Eucaristica Permanente!

Questo sogniamo, questo stiamo chiedendo in preghiera questo e niente meno di questo è quello che perseguiremo con tutte le nostre forze!

Alla prossima …

Lascia un commento

Archiviato in ADUNANZE EUCARISTICHE