Archivi tag: google

YOUTH COMMUNICATION IN SOCIAL MEDIA AGE – GIOVANI E RETE ALL’ATENEO PONTIFICIO REGINA APOSTOLORUM

GIOVANI E MEDIA (Roma) – Hey! Sei ancora reale? Quanto tempo la RETE assorbe la tua mente? Sei capace di distinguere il mondo reale da quello virtuale? La rete è ovunque anche adesso, nella tua stanza, davanti ai tuoi occhi. Al lavoro, nel tuo tempo libero, mentre sei in macchina… non ne puoi più fare a meno vero? Fai parte di un mondo senza sbarre ne catene, un mondo che non ha confini ne orizzonti, ti senti libero… Ma è realtà o prigione per la tua mente? 1,97 miliardi di utenti internet, 600 milioni utenti di Facebook…queste le cifre del popolo connesso sulla terra. Esiste un unico volto per l’intera famiglia umana? Un’esigenza comune tra tutti? Come comunichiamo e cosa cerchiamo attraverso le grandi piattaforme digitali? Molti e disparati sono gli abitanti dell’areopago digitale. Come comunicare con questo multi universo? Come comunicano i giovani? Può essere il web una risorsa educativa, anche per la Chiesa? Lo ascolteremo dai diretti interessati: Google, Microsoft, Canale 5, Populis…

continua su: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=4565

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

L’OSSERVATORE ROMANO SI OCCUPA DI FACEBOOK: IL GRANDE FRATELLO E L’IDENTITA’ PERDUTA

SOCIAL PROBLEM? – “I miei veri genitori sono quelli adottivi, ma non basta”. Tiziana, 27 anni, segni particolari: è iscritta a Facebook, al gruppo “Figli adottati”. Sta cercando la madre mai conosciuta. È mossa da una curiosità legittima, da una speranza drammatica. “Voglio guardarla in faccia e ritrovare un pezzo di me”. La sua storia è solo una fra le tante riportate da un articolo pubblicato nell’ultimo numero del settimanale italiano “L’Espresso” per raccontare un fenomeno in espansione: esistono migliaia di persone adottate che cercano i propri genitori naturali usando i social network. Senza l’aiuto delle famiglie. Senza nessuno. Adolescenti che passano giornate intere al pc setacciando centinaia di profili ma che spesso, purtroppo, trovano qualcosa di molto diverso da quanto s’aspettano: molestie, dolore, sensi di colpa, tradimenti, richieste di denaro.

continua su:http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=3380

Lascia un commento

Archiviato in NEWSLETTER SITO, SI ALLA VITA

RAFFORZARE LA PRESENZA CRISTIANA SU INTERNET: L’IMPEGNO DEI VESCOVI EUROPEI SUI NUOVI MEDIA

CITTA’ DEL VATICANO – La Chiesa non può ignorare Internet: è quanto sta emergendo con forza alla Plenaria della Ceem, la Commissione episcopale europea per i media, in corso in Vaticano sul tema “La cultura di Internet e la comunicazione della Chiesa”. In un messaggio indirizzato ai partecipanti all’incontro, Benedetto XVI invita i vescovi europei ad esaminare “questa nuova cultura e le sue implicazioni per la missione della Chiesa”. Nel testo, a firma del cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, il Papa sottolinea che la “proclamazione di Cristo richiede una profonda conoscenza della nuova cultura tecnologica”. Stamani, la Plenaria si è incentrata sui social network. E’ stata, inoltre, presentata l’attività del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali nel campo di Internet. “La Chiesa ha bisogno di Internet, perché ha una Buona Novella da comunicare”: ne è convinto il cardinale arcivescovo di Zagabria, Josip Bozanic, che nel suo intervento ha sottolineato che in Internet si sta costruendo “il modello antropologico di domani”. Del resto, il porporato croato ha osservato che il peso crescente che la Rete sta assumendo nella vita delle persone e dei fedeli impone di annunciare il Vangelo anche nel mondo di Internet. Ed ha sottolineato che Internet “non è solo un recipiente che raccoglie diverse culture. Internet è cultura” e produce cultura. Di fronte a questa realtà, ha detto il vicepresidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa, bisogna rammentare che la Chiesa ha sempre saputo “cogliere la bontà degli strumenti di comunicazione sociale per l’edificazione del genere umano”. E, dunque, l’interesse per i media e per Internet nasce dalla natura stessa della Chiesa quale “comunità dialogante”. Sulla necessità per la Chiesa di entrare nell’agorà di Internet, si è soffermato mons. Jean-Michel di Falco Léandri, vescovo di Gap e di Embrun, presidente della Commissione episcopale europea per i media. “Così come la croce ha il suo asse verticale e il suo asse orizzontale – ha detto il presule francese – così deve essere la nostra evangelizzazione nella Rete: orizzontale per la sua estensione, verticale per la sua profondità e la sua qualità”.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2966

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

GOOGLE E MICROSOFT: LA BATTAGLIA FRA I GIGANTI A SUON DI INNOVAZIONI TECNOLOGICHE

NOVITA’ – Microsoft e Google detengono il ruolo nell’innovazione tecnologica per tutto ciò che riguarda la rete mondiale internet e le tecnologie ad essa applicate non v’è dubbio, e proprio in questi giorni l’universo web assiste ad un ulteriore lotta fra giganti: chi innova di più? Quali soluzioni maggirmente funzionali? Non è nostra volontà intervenire direttamente nella diatriba a colpi di innovazione, ma per informazione riportiamo le novità dei due magro gruppi industriali. Google ha reso noto che sono più di due milioni le aziende che utilizzano il suo software per ufficio online, mentre si appresta a lanciare oggi una campagna pubblicitaria per sottrarre utenti a Microsoft e Ibm. La campagna, che toccherà paesi come Francia, Giappone e Gran Bretagna, rappresenta una singolare incursione per Google nel campo della pubblicità per il mercato di massa e rivela quindi l’intenzione di aumentare il livello della competizione per quanto riguarda i software da ufficio. In un momento nel quale Microsoft e Ibm stanno dominando decisamente il settore delle mail aziendali, Google sta cercando di convincere le aziende a passare ai suoi servizi, denominati “cloud-based”, dove al software si accede direttamente via internet e i dati vengono conservati dai centri Google piuttosto che sul computer della società. I servizi cloud-based sono più economici rispetto ai software tradizionali, sebbene negli ultimi periodi alcune interruzioni della corrente elettrica abbiano suscitato delle perplessità per quanto riguarda l’affidabilità, soprattutto per le aziende.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2911

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

POLIZIA E YOUTUBE AIUTANO GIOVANI A NAVIGARE SICURI SU WEB CON IL PROGETTO ‘NON PERDERE LA BUSSOLA’

ROMA – Aiutare i giovani a “Non perdere la bussola” durante la navigazione in Internet e ad evitare cosi’ le insidie, a cominciare dagli ‘attentati’ alla privacy, che si celano in Rete: e’ l’obiettivo dell’iniziativa congiunta della Polizia delle comunicazioni e di Youtube, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, che punta alla sensibilizzazione dei ragazzi tra i 13 e i 18 anni sui temi della sicurezza in Rete e dell’uso responsabile delle community on line. Destinatari dell’iniziativa gli studenti ma anche gli insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori su tutto il territorio nazionale. Il progetto educativo intende fornire loro strumenti conoscitivi e didattici per garantire una navigazione in Internet consapevole e sicura. “E’ da anni che la Polizia di Stato opera per far si’ che i rischi della Rete, soprattutto nei confronti dei minori non debbano costituire un limite allo siluppo della comunicazione sul web”, ha spiegato Maurizio Masciopinto, direttore delle relazioni esterne del Dipartimento di pubblica sicurezza.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2837

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

FACEBOOK: PER 72% GIOVANI E’ UTILE PER COMUNICARE. PRESENTE ANCHE IL ‘PAPABOYS GROUP’

ROMA – Oltre il 30 per cento degli italiani utilizza “Facebook” come strumento di comunicazione. Nonostante il 38,1 per cento degli intervistati dichiari di non essere iscritto a quello che oggi rappresenta un vero e proprio “fenomeno di interazione del millenio”, secondo i dati diffusi dall’Eurispes nell’ultimo “Rapporto Italia”, sono soprattutto i giovanissimi (ragazzi tra i 18 e i 24 anni) a credere che Facebook rappresenti “uno strumento utile per trovare vecchi conoscenti (72,1%) e per trascorrere il tempo (49,6%). Tra i non iscritti al famoso social network prevalgono, invece, coloro che appartengono alla fascia di eta’ compresa tra i 45 e i 64 anni (44,6%), mentre non ha addirittura mai sentito parlare di Facebook ben il 65% degli gli ultra65enni. Il numero piu’ consistente degli iscritti a questo social network si rintraccia nelle regioni centrali italine (39,3%). Al contrario, tra i non iscritti spiccano gli abitanti del Noprd-Est (49,5%), i quali, pur essendo a conoscenza di questa nuova realta’ di comunicazione interattiva, preferiscono non utilizzarla, a vantaggio dei mezzi di comunicazione tradizionali.

Per leggere tutto il testo visita:  http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2233

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, NEWS & INFO

IMPLEMENTATA LA GOOGLE MAIL PER PALM CON 2.0. OTTIMA TECNOLOGIA SI! MA L’UOMO?

NEW YORK – Nuovi annunci teknologici che rIlanciano a livello mondiale il quotatissimo motore di ricerca Google, ed immettono nuove caratteristiche funzionali per implementare la Google Mail con palmari ed interazioni fino ad oggi sconosciute. L’utilizzo del terminale come piattaforma di accesso per il Web invece, è ormai una pratica consolidata tra gli utenti di tutto il mondo, in particolare, il monitoraggio della propria casella di posta elettronica in mobilità è uno dei servizi maggiormente richiesti dall’utenza, tanto che, ormai, su quasi ogni cellulare, anche tra quelli di fascia bassa, è presente un client mail. Anche i software dedicati a tale aspetto crescono sia in termini di quantità che nella qualità di utilizzo. Tra i più gettonati c’è senza dubbio Gmail mobile, applicativo legato alla nota casella mail del motore di ricerca più utilizzato al mondo. Qualche giorno fa il gruppo commerciale ha rilasciato la versione 2.0 del software, che potrà essere utilizzato in quasi tutti i modelli dotati del supporto per le applicazioni Java. Le differenze rispetto al suo predecessore ci sono e si vedono: migliori performances di esecuzione, una grafica maggiormente fluida. Sarà possibile gestire più account mail direttamente sul software, con la possibilità di archiviare bozze, leggere le mail offline e tanto altro. Per avere maggiori informazioni basterà visitare tramite terminale l’indirizzo m.google.com/mail. Gmail mobile 2.0 è disponibile in ben 35 lingue diverse.

Per leggere tutto il testo e vedere il  video,  visita: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1911

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO