Archivi tag: provvedimenti

UN PROBLEMA DEI GIOVANI? LA CATTIVA ALIMENTAZIONE! ANALIZZIAMO ALCUNI DATI E PRENDIAMO PROVVEDIMENTI

luINCHIESTA – Nel 2007 il Ministero della Salute, nell’ambito del programma ‘Guadagnare salute’, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ha promosso il progetto ‘Okkio alla Salute’ con l’obiettivo di descrivere nel tempo l’evoluzione della situazione nutrizionale dei bambini delle scuole primarie e del loro ambiente scolastico, in relazione alle caratteristiche favorenti una corretta nutrizione e l’attività fisica. Obiettivo: suggerire azioni appropriate e basate su prove di efficacia. Nella primavera 2008 i Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) delle Regioni, coordinati dall’Istituto Superiore di Sanità, hanno avviato nelle classi III della scuola primaria la rilevazione predisposta. In Piemonte hanno partecipato 376 scuole per un totale di 8082 bambini e 7935 genitori; nell’Asl CN1 erano interessate 35 scuole per un totale di 633 bambini e 552 genitori. Ne è risultato che il 6% dei bambini indagati è obeso ed il 15% è sovrappeso.

continua su

http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2707

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO, SI ALLA VITA

RAGAZZI E VIOLENZA – DI CHI È LA COLPA? UN’EMERGENZA CHE COINVOLGE TUTTI

ROMA – È davvero difficile commentare un fatto come quello accaduto a Chioggia, dove un ragazzino tredicenne ha accoltellato il proprio insegnante di musica. Lo ha fatto a scuola, con un gesto premeditato, dopo aver portato in classe, da casa, un coltello da cucina. E’ difficile, ma è opportuno fare qualche riflessione perché questa vicenda per certi versi estrema in qualche modo coinvolge tutti. Sappiamo troppo poco per entrare nel caso specifico. Quale disagio viveva questo ragazzino? Quali rapporti con l’insegnante? Quali tensioni familiari? Sono solo alcune delle tante, possibili, domande senza risposta. E che comunque non potrebbero giustificare il gesto. Alcuni aspetti, invece, si possono considerare. “Era un ragazzino dal carattere chiuso, ma uguale a tanti altri”. “Una famiglia normale…”: così alcune descrizioni sui giornali, che sottolineano il contrasto con l’enormità del fatto. Un fatto, va detto, che però non è isolato nella nostra società dove capita che ragazzi diano alle fiamme un barbone o che “il branco”, questa figura ormai d’uso comune e deresponsabilizzante, violenti e umili.

Per lggere tutto il testo visita:  http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2276

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO