Archivi tag: salesiani

Vietnam: l’opera dei Salesiani al servizio dei giovani

Scuole, centri di accoglienza per ragazzi di strada, opere per gli immigrati e per le minoranze delle zone rurali povere. È l’attività dei Salesiani in Vietnam presenti nel Paese da più di cinquant’anni. Fedeli al carisma del fondatore, anche in Vietnam i Salesiani sono impegnati soprattutto con i più giovani. Alle attività pastorali nelle parrocchie – riferisce l’agenzia Asianews – si aggiungono le scuole presenti in diverse città del Paese e i centri per gli studenti e gli operatori salesiani. Nelle città di Ba Thon, Tan Ha, Phuoc Loc, Xuan Hiep, Hoc Mon e K’long sono attivi da diverso tempo corsi di orientamento e avviamento professionale “per aiutare la crescita dei più giovani – spiega uno degli operatori – e mostrare loro un’esperienza di vita cristiana nella società”. L’inizio della presenza dei Salesiani in Vietnam risale al 1952, quando lo sloveno, padre Andrej Majcen, e il brasiliano, padre Giacomo, aprirono una comunità della Congregazione ad Ha Noi. Due anni dopo, i sacerdoti si trasferirono nel sud del Paese sviluppando numerose attività sociali. Oggi, i Salesiani lavorano con nove diocesi ad Ha Noi, Saigon, Xuan Loc, Da lat, Vinh Long, lang Son, Thai Binh e Thanh Hoa. A queste va aggiunta la diocesi di Bui Chu dove il vescovo e l’ausiliare appartengono alla Congregazione. In tutto il Paese, vi sono oltre 100 sacerdoti e più di 200 fratelli Salesiani. A completare i numeri della famiglia di don Bosco in Vietnam, ci sono 450 cooperatori e migliaia di ex studenti delle scuole nella provincia di Da Lat, nel distretto di Thu Duc e ad Ho Chi Minh City.

Lascia un commento

Archiviato in CHIESA IN ASIA, NEWS & INFO

UNA TOCCANTE TESTIMONIANZA INEDITA DEL CARD. CASTILLO LARA, RILASCIATA ALL’AGENZIA FIDES.

ROMA – Il Card. Rosalio Castillo Lara, venezuelano, Salesiano, Presidente emerito dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica e della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, pochi giorni prima della sua morte ha rilasciato all’Agenzia Fides una toccante testimonianza, finora inedita, sul tema della vita e della povertà, che pubblichiamo per la sua toccante attualità.

“Certamente il problema della povertà è gravissimo, e quasi tragico per noi, però la soluzione dell’eutanasia della povertà attraverso la sterilizzazione è una soluzione completamente sbagliata. Nel nostro continente sud americano si avverte molto forte la sconvolgente povertà di immense moltitudini di persone che sono carenti di educazione, e a volte anche di un tetto e della possibilità stessa di un lavoro. Ripeto, però, che uccidendo la vita non si favorisce certo la ricchezza e si elimina la povertà. Questa soluzione è molto semplice, ma non dà un risultato autentico. E’ piuttosto con una educazione integrale, seminando valori e principi etici, religiosi, morali, che si può insegnare alle persone a vivere bene e a trovare un lavoro onesto”.

 

Lascia un commento

Archiviato in CHIESA IN AMERICA, NEWS & INFO, TESTIMONIANZE

SISTEMA PREVENTIVO PER I GIOVANI E DIRITTI UMANI NELLA VISIONE DI DON BOSCO. ARTICOLO DEL RETTORE DEI SALESIANI.

 

 

 

 

 

 

ROMA – Don Bosco non poteva parlare di diritti umani dei bambini e degli adolescenti, perché non esisteva neppure la categoria giuridica; ma Don Bosco è stato un precursore di tanti elementi della visione del bambino e dell’adolescente che oggi viene definita con il linguaggio dei diritti umani. Allo stesso modo don Bosco è stato un precursore di tanti di elementi di quella che oggi viene definitiva educazione alla cittadinanza mondiale responsabile. Pubblichiamo il testo dell’intervento di Don Pascual Chávez Villanueva, Rettore Maggiore dei Salesiani, al Congresso “Sistema Preventivo e Diritti Umani”

Congresso “Sistema Preventivo e Diritti Umani”

Carissimi fratelli e sorelle,
desidero concludere questo Congresso su “Sistema Preventivo e Diritti Umani”, che ci ha visti radunati in questi giorni del 2 al 6 gennaio 2009, innanzitutto con una parola di ringraziamento a tutti voi per la risposta al mio invito, per la partecipazione a tutto il programma, per l’impegno alla buona riuscita. Non è indifferente la data di realizzazione di questo grande evento; esso si è realizzato nel tempo del Santo Natale di Gesù, che segna la nascita della nuova umanità in Cristo, nuovo Adamo, modello e meta di ogni persona umana. Il mistero dell’Incarnazione infatti illumina la nostra comprensione della dignità dell’uomo e motiva il nostro impegno a favore dei diritti umani. Non è neppure indifferente il fatto che questo Congresso avvenga l’inizio di questo anno giubilare in cui celebriamo il 150º anniversario della Fondazione della Congregazione Salesiana. Tale celebrazione dovrà stimolarci ad una rinnovata fedeltà a don Bosco e ai giovani, con lo stesso entusiasmo e convinzione del primo gruppo di Salesiani che il 18 dicembre del 1859 diedero inizio alla Congregazione. Essi si radunarono nella camera di Don Bosco «allo scopo ed in uno spirito di promuovere e conservare lo spirito di vera carità che richiedesi nell’opera degli Oratorii per la gioventù abbandonata e pericolante, la quale in questi calamitosi tempi viene in mille maniere sedotta a danno della società e precipitata nell’empietà ed irreligioni. Piacque pertanto ai medesimi Congregati di erigersi in Società o Congregazione che avendo di mira il vicendevole aiuto per la santificazione propria si proponesse di promuovere la gloria di Dio e la salute delle anime specialmente delle più bisognose d’istruzione e di educazione…»[1]. Oggi i tempi sono diversi e anche le condizioni in cui ci troviamo a vivere la vocazione salesiana sono mutate; ciò ci domanda una continua riflessione ed una risposta aggiornata di fronte alle nuove sfide. Non sono cambiati invece la missione salesiana e le sue finalità, i destinatari a cui siamo inviati, i criteri della nostra azione, che Don Bosco ci ha lasciato in preziosa eredità. E’ appunto in questa congiuntura di circostanze che abbiamo voluto riflettere su “Sistema Preventivo e Diritti Umani”, allo scopo di offrire ai diritti umani, soprattutto a quelli dei minori, l’apporto arricchente delle motivazioni, delle riflessioni e delle esperienze proprie del Sistema Preventivo e nello stesso tempo di aprire il Sistema Preventivo a questa relativamente recente via di promozione della persona e della sua crescita. Vi presento ora alcuni spunti per continuare il nostro cammino, in vista di scelte strategiche per il futuro.

Per leggere tutto il testo visita:  http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=2076

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

ITALIA – LA CORSA DEI SANTI: UN EVENTO PER L’ANNO PAOLINO A ROMA

ROMA – È stata presentata ieri, 23 ottobre, presso la sala stampa del Campidoglio, sede del Comune di Roma, “La Corsa dei Santi”, manifestazione sportiva, agonistica e amatoriale, promossa dalla Prime Time Promotion. L’evento, che vuole anche offrire una alternativa e una proposta valida per celebrare la solennità dei santi del 1° novembre, sarà accompagnata da una campagna di solidarietà a favore della Fondazione Don Bosco nel Mondo e, in modo particolare, delle Opere “Mamma Margherita” della Repubblica Democratica del Congo.

Alla conferenza, condotta da Eligio Ermeti dell’ufficio stampa della Prime Time Promotion, sono intervenuti il Vice Sindaco di Roma, l’on. Mauro Cutrufo, don Fabio Attard, Consigliere per la Pastorale Giovanile, don Donato Lacedonio, responsabile di ANS, e il sig. Enrico Castrucci, Presidente dell’”Italia Marathon Club”, associazione sportiva, primo partner della manifestazione. Diversi i giornalisti, le autorità militari e gli atleti, dei quali alcuni reduci delle ultimo Olimpiadi di Pechino e che parteciperanno a “La Corsa dei Santi”. L’on Cutrufo, aprendo l’incontro, ha ricordato il suo personale impegno espresso nella legge regionale per gli oratori e ringraziato i salesiani per il loro importante contributo all’opera educatrice dei giovani.

Per leggere tutto il testo visita: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1900

Lascia un commento

Archiviato in NEWS & INFO

SYDNEY 2008

I GIOVANI SALESIANI SI PREPARANO ALLA GMG

Il prossimo 11 luglio si svolgerà presso il “College Chadstone” di Melbourne il primo incontro dei giovani e dei gruppi salesiani che parteciperanno alla Giornata mondiale della Gioventù in programma a Sydney dal 15 al 20 luglio. L’incontro, dallo slogan “Chiamati, arricchiti e inviati a servire con gioia il Signore”, si svolgerà nella settimana precedente l’evento di Sydney durante le giornate diocesane organizzate dalla diocesi di Melbourne. Il programma prevede incontri di catechesi, momenti di preghiera e di festa. Aprirà la giornata l’intervento del card. Oscar Rodriguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa. Nel pomeriggio il Rettor Maggiore Don Pascual Chávez Villanueva guiderà la Via Crucis e incontrerà i giovani. Sarà presente anche mons. Tim Costelloe, salesiano, vescovo ausiliare di Melbourne. La giornata terminerà con la partecipazione al pellegrinaggio diocesano che si concluderà presso il “Telstra Dome” di Melbourne dove l’arcivescovo locale mons. Denis James Hart presiederà una messa. In programma anche un secondo incontro dei giovani e dei gruppi salesiani, a Sydney il 16 luglio.

 

 

Lascia un commento

Archiviato in ASSOCIAZIONE PAPABOYS, CHIESA IN AUSTRALIA, NEWS & INFO, SIDNEY 2008 - LA GMG