ALL’ANGELUS BENEDETTO XVI METTE IN GUARDIA DALL’EGOISMO: IN ROVINA SE SI PENSA SOLO A SE STESSI

CITTA’ DEL VATICANO – “Se ciascuno pensa solo ai propri interessi, il mondo non puo’ che andare in rovina”. Lo ha detto il Papa all’Angelus, commentando la pagina di San Matteo sul Giudizio Universale. ”Se mettiamo in pratica l’amore per il nostro prossimo, secondo il messaggio evangelico, allora facciamo spazio – ha spiegato Benedetto XVI – alla signoria di Dio, e il suo regno si realizza in mezzo a noi”. ”Cari amici – ha aggiunto il Pontefice rivolgendosi ai 40.000 fedeli presenti in Piazza San Pietro -, il regno di Dio non e’ una questione di onori e di apparenze, ma, come scrive l’Apostolo Paolo, e’ giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo”. Secondo il Papa, quindi, ”al Signore sta a cuore il nostro bene, cioe’ che ogni uomo abbia la vita, e che specialmente i suoi figli piu’ ‘piccoli’ possano accedere al banchetto che lui ha preparato per tutti. Percio’ – ha scandito – non sa che farsene di quelle forme ipocrite di chi dice ‘Signore, Signore’ e poi trascura i suoi comandamenti”. ”Nel suo regno eterno – ha proseguito il Santo Padre -, Dio accoglie quanti si sforzano giorno per giorno di mettere in pratica la sua parola. Per questo la Vergine Maria, la piu’ umile di tutte le creature, e’ la piu’ grande ai suoi occhi e siede Regina alla destra di Cristo Re”. Gia’, Cristo e’ Re, il Re per eccellenza, ma, ha sottolineato il Pontefice, “Egli rifiuto’ il titolo di re quando esso era inteso in senso politico, alla stregua dei capi delle nazioni”. Un rifiuto che ci e’ stato tramandato ”dai Vangeli”, che evidenziano come ”durante la sua passione”, Cristo rivendico’ invece ”una singolare regalita’ davanti a Pilato”, con la dichiarazione: ”il mio regno non e’ di questo mondo”, che fa riferimento alla potesta’ di Dio Padre, ”il quale governa tutte le cose con amore e con giustizia”. E proprio Dio Padre ”ha affidato al Figlio la missione di dare agli uomini la vita eterna, amandoli fino al supremo sacrificio, e nello stesso tempo gli ha conferito il potere di giudicarli, dal momento che si e’ fatto Figlio dell’uomo, in tutto simile a noi”. Il riferimento, ha rimarcato Benedetto XVI, e’ al giudizio finale descritto dall’evangelista Matteo con ”immagini semplici e linguaggio popolare”, ma il cui messaggio ”e’ estremamente importante: e’ la verita’ sul nostro destino ultimo e sul criterio con cui saremo valutati”, che e’ quello dell’amore. L’ultimo giorno, Gesu’ dira’ infatti, secondo il Vangelo, ”ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto”. Una pagina, ha rilevato il Pontefice, che ”fa parte della nostra civilta’ e ha segnato la storia dei popoli di cultura cristiana: la gerarchia di valori, le istituzioni, le molteplici opere benefiche e sociali”.

Per leggere tutto il testo visita: http://www.papaboys.it/news/read.asp?id=1976

Lascia un commento

Archiviato in BENEDETTO XVI, NEWS & INFO

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...